Cerca
Close this search box.

Un’escursione alla Capanna Tencia, la prima inaugurata in Ticino 

L’estate è tempo di escursioni e il nostro bel Ticino ne offre un buon numero di possibilità. Oggi andiamo alla scoperta di un bell’itinerario leventinese che porta ad una famosa capanna. Celebre perché non è un rifugio qualunque, bensì quello che può fregiarsi di essere il primo ad essere stato inaugurato in Ticino. Saliamo infatti alla capanna Campo Tencia partendo da Dalpe.

Un villaggio tra prato e cielo

Dalpe è uno dei villaggi di montagna più conosciuti del Ticino proprio perché punto di partenza di numerosi itinerari escursionistici. Un piccolo agglomerato raggiungibile in pochi minuti salendo da Rodi, che tuttavia non si scopre subito, perché arrivati sul punto in cui si scollina bisogna prima attraversare un ampio respiro di prato e di cielo, e poi scendere per trovarlo adagiato in una magnifica e sorridente conca.

Ecco la sua forza, che sta nel collocarsi su un pianoro baciato dal sole e nel contempo appartato dal resto del mondo: qui non arrivano i rumori della ferrovia e dell’autostrada, qui “la pace è d’oro”, come ha ben scritto Alina Borioli (1887-1965), testimone tra le più importanti della Valle, riferendosi a Dalpe.

Salendo in Val Piumogna

Ma è tempo di infilare scarpe e sacco di montagna per affrontare il nostro itinerario che ci porterà più in su, dapprima in Val Piumogna e poi, dopo un bel tratto di sentiero, alla nostra capanna.

Un itinerario che i cartelli escursionistici indicano di una durata di circa 3 ore. Ma sappiamo che ci sono degli appassionati di corsa in montagna di Dalpe e della zona che, correndo a buon ritmo, riescono a salire anche in poco più di un’ora.

Si parte quindi da Dalpe (1195 m) per andare in direzione di Vidresco e da a qui proseguire verso “Boscobello” (1336 m), un bosco davvero… bello con i suoi larici alti e slanciati, luogo ideale per picnic domenicali.

Da Boscobello la strada in terra battuta spiana leggermente per circa due chilometri fino al ponte sul fiume Piumogna, che da un po’ ci accompagnava con il suo gorgogliare sul fondovalle e che ora vediamo da vicino restando anche sorpresi dalla portata già ragguardevole. Ancora un chilometro ed eccoci nel grande anfiteatro con davanti le imponenti pareti sassose del Pizzo Crozlina (3009 m), del Pizzo Campo Tencia (3072 m) e del Pizzo Penca (3040 m).

Un sentiero tra boschi di larici

Si prosegue quindi in direzione dell’alpe di Géra e prima di costeggiare due piccoli laghetti si prende il sentiero che sale sulla destra. Il punto è ben segnalato dai cartelli, siamo a 1405 m. Inizia qui il tratto più escursionistico con il tracciato che sale attraversando splendidi boschi di larici.

In lontananza si ode sempre il rumore del fiume Piumogna così come non sfugge allo sguardo l’impressionante parete sassosa del massiccio del Tencia. Si giunge quindi in località Sgnòi (1650 m) dove c’è un ponticello e un bivio con il percorso che si diparte in due direzioni, noi proseguiamo sulla sinistra.

Salendo, il sentiero, ancorché ben segnalato, è tuttavia quello tipico di montagna, un po’ dissestato, una radice qua e là, qualche sasso finché ad un certo punto, dopo avere superato una breve scalinata che sfocia a circa 1800 m di quota in uno splendido scenario, un giardino ricco di rododendri (rosalpine), ginepri e mirtilli, inizia il tatto conclusivo tra ampi prati.

Il rientro, la sera, a Dalpe

Dopo essere giunti alla Capanna Campo Tencia, si può decidere se pernottare, magari proseguendo l’indomani verso altre mete, come la cima del Pizzo Campo Tencia (per escursionisti esperti) oppure in direzione della capanna Leit.

Ma si può anche rientrare in Piumogna percorrendo il medesimo itinerario che consigliamo di fare verso sera: nella parte iniziale del grande altipiano sarà facile vedere le marmotte, mentre verso la zona della Piumogna sono numerosi i posti ricchi di funghi.

Dalla Piumogna ci sono tre possibilità per raggiungere Dalpe: scendendo per il ripido sentiero della “Vallascia” posto proprio vicino al ponte, oppure lungo il “Calvario”, un altro sentierino che, a dispetto del nome, non è così ostico, e che si stacca sulla destra in prossimità della cappella di Cimafroda (1370 m).

Noi rientriamo tuttavia da dove siamo venuti, quindi toccando di nuovo Boscobello, per scendere ancora un po’ e poi svoltare a destra verso la frazione di “Cléuro di Dalpe” che ci condurrà fino alla Chiesa di San Carlo immettendoci nella via che attraversa il paese.

La prima capanna del Ticino

La Capanna del Campo Tencia, situata a 2140 m di altitudine è, come detto, la prima capanna delle montagne ticinesi, essendo stata inaugurata nel 1912. Il giorno dell’inaugurazione venne redatto un documento, che peraltro esiste ancora oggi all’entrata della struttura, sull’origine e gli scopi della capanna. Il testo inizia con queste parole: “Abbiamo inaugurato oggi Domenica undici Agosto millenovecentododici questo rifugio alpino nel territorio del Comune di Chironico e nella località precisamente detta “Giübin” ad utilità dei Soci del Club Alpino Svizzero e delle altre Società alpine […]”.

RegioneValle Leventina, Canton Ticino (CH)
PartenzaDalpe, 1195 m
ArrivoCapanna Campo Tencia, 2140 m
Dislivello945 m
Durata3 ore
Grado difficoltàT2

Info: Capanna Tencia

Photo: © Nicola Pfund

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

ti può interessare anche

In bicicletta alla scoperta della Valle di Muggio

Uno degli aspetti più sorprendenti del Ticino è certamente la varietà del suo territorio. Ogni regione si caratterizza per qualcosa di particolare, così come ogni valle ha ciascuna una propria “personalità”. Un esempio è l’itinerario che ci conduce alla scoperta della bella Valle di Muggio, meta prediletta dei tanti cicloturisti del Mendrisiotto.

leggi tutto »

Da Camperio alla Capanna Gorda con le ciaspole ai piedi

La felicità con due racchette ai piedi: potremmo forse definirla così la passione che sta contagiando sempre più persone per questo tipo di escursionismo invernale. Un’attività che è apprezzata per tanti motivi, in primo luogo perché permette di immergersi nell’incanto della natura con grande facilità come succedere in poche altre occasioni.

leggi tutto »

Con le racchette alla Capanna Piansecco

Un altro itinerario, un’altra Valle, un’altra capanna. Proseguiamo nell’esplorare il bel Ticino nella sua affascinante veste invernale, percorrendo gli itinerari dedicati alle racchette. Questa volta saliamo in Valle Bedretto per scoprire una bella capanna appena ristrutturata e un piccolo lago dai caratteri fiabeschi.

leggi tutto »